Pugliese di nascita, ma trapiantata in Piemonte per lavoro, Laura è una ragazza curiosa e sognatrice. Ama la fotografia e adora viaggiare per sentirsi parte del mondo. Il suo articolo su Bordeaux è la chiara sintesi delle sue passioni! Leggete quanto ci scrive e preparatevi a passare un fine settimana nella famosa città del vino…

Dicono che Bordeaux sia la città meno francese e più “snob” della Francia. Io dico semplicemente che questo gioiellino, che mi ha conquistata fin da subito, vale la pena di essere visitato! Ed io l’ho fatto in occasione del mio compleanno 🙂

Situata nel sud-ovest della Francia e capoluogo della regione Aquitania, Bordeaux è attraversata dal fiume Garonna e il suo centro storico è stato dichiarato “patrimonio dell’umanità“. In passato è stata un importante porto commerciale, oggi è famosa per la produzione di vini pregiati e formaggi che attirano turisti da tutto il mondo.

Ma Bordeaux non è solo questo.

È anche architettura, a dir poco sorprendente! I suoi edifici storici e soprattutto le sue chiese mi hanno tolto il fiato per la loro bellezza, imponenza ed eleganza! Ripenso alla Cattedrale di Sant’Andrea, la chiesa più grande di Bordeaux, e al suo campanile in stile gotico, la Torre Pey-Berland, isolata dal resto dell’edificio, alta più di 60 metri e costituita al suo interno da ben 231 scalini; alla Chiesa di Santa Croce, chiesa cattolica in stile romanico, situata in piazza Pierre de Renaudel; e infine, alla Basilica di San Michele con la sua torre campanaria, una delle più alte di Francia, anche questa distaccata dalla chiesa cui appartiene.

COSA VEDERE: il mio itinerario

Iniziamo con Place de la Bourse. La bellissima piazza della Borsa è sicuramente il luogo più visitato e fotografato dai turisti! – compresa me 🙂 – È circondata da due imponenti edifici, che sono la Borsa del Commercio e il Museo delle Dogane, le cui sagome si rispecchiano nel Miroir d’Eau, fiore all’occhiello della città, che si trova proprio di fronte la piazza. Il famoso Miroir d’Eau è uno specchio d’acqua artificiale, dove i bordolesi e i turisti vanno a rinfrescarsi e rilassarsi, mentre i più piccoli si divertono a giocare con l’acqua! Al centro della piazza, inoltre, vi è la Fontana delle tre Grazie, con tre statue femminili che rappresentano rispettivamente Eufrosine, Aglalia e Talia, ovvero le figlie di Zeus. Vi consiglio di vedere Place de la Bourse anche e soprattutto di sera…vi regalerà un’atmosfera suggestiva e romantica! Da qui inoltre è possibile ammirare il Ponte di Pietra, il primo ponte costruito sulla Garonna e risalente al 1800.

Altro elemento simbolo della città è la Grosse-Cloche, o porte Saint-Eloi, ovvero la storica porta cittadina, risalente ai tempi del Medioevo e costruita sui resti della porta di Sant’Eligio attraverso la quale passavano i pellegrini diretti a Santiago de Compostela. Essa è costituita da una grossa campana che viene fatta suonare solo una volta l’anno, cioè l’11 novembre. Pagando il biglietto, è possibile visitarla al suo interno, dove una guida vi racconterà la sua storia.

In Place de la Comedie troviamo poi il Grand Theatre, progettato dall’architetto Victor Louis e il cui portico è formato da 12 colonne in stile corinzio su cui sono poste 12 statue che rappresentano le 9 Muse e le Dee Giunone, Venere e Minerva. Oggi è sede dell’Opéra e del Ballet National de Bordeaux.

Da questa piazza fino a Place de la Victoire si estende la famosa rue Sainte Catherine, ovvero una delle vie dello shopping più lunghe d’Europa, con più di 250 negozi! Una meraviglia soprattutto per noi donne 🙂 In Place de la Victoire, all’ingresso della zona meridionale della città, troviamo un’altra porta, la Porta d’Aquitania, dalla forma di un arco di trionfo. Qui è presente una curiosa statua in bronzo raffigurante una tartaruga con un grappolo d’uva in bocca, su cui i più piccoli si divertono a farsi fotografare!

COSA MANGIARE a Bordeaux

Per quanto riguarda il cibo non mi sono di certo risparmiata! Ho fatto incetta di baguettes e non solo… anche di macarons, pasticcini di vari colori e gusti a base di meringa e di cannelés, tipici dolcetti bordolesi al profumo di rhum e vaniglia morbidi all’interno e croccanti all’esterno (credetemi, uno tira l’altro!). Essendo in territorio francese, poi, non potevo non assaggiare le famose escargot… molto buone! Per fortuna, nell’afferrarle, non ho fatto danni come Julia Roberts in Pretty Woman!! Ricordate l’indimenticabile scena? E poi, altra esperienza immancabile è l’aperitivo bordolese, a base di saucisson e formaggio, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino! Un appuntamento da non perdere è quello al Mercato dei Cappuccini (Marché des Capucins) nel quartiere di Saint Michel. Ci troverete di tutto: carne, pesce, frutta, dolci tipici… insomma un concentrato di prelibatezze che vi faranno venire l’acquolina in bocca!

Di Bordeaux ricorderò e porterò con me un mix di immagini ed emozioni, istantanee di vita quotidiana che rendono questa città, in cui ogni cosa sembra avere il suo giusto ritmo, magica!

CONSIGLI UTILI

Bordeaux non è una metropoli troppo grande, quindi ci si può spostare tranquillamente a piedi o in tram. È dotata infatti di 3 linee tramviarie (contrassegnate dalle lettere A, B e C), silenziose e senza fili, che in poco tempo vi permettono di raggiungere i principali punti di interesse della città. Il costo del biglietto è di € 0,80.

Se viaggiate con un volo low-cost, atterrerete al Terminal “Billi” all’aeroporto Mérignac. Da lì potrete raggiungere il centro con un bus navetta, Jet’Bus, il cui biglietto costa € 7,00 e il tempo di percorrenza è di circa 30 minuti. Questa navetta è molto comoda poiché fa capolinea alla stazione centrale Saint-Jean di Bordeaux. In alternativa, potrete spostarvi con la Linea 1, un bus pubblico il cui costo è decisamente inferiore (€ 1,70), ma effettua più fermate e quindi il tempo di percorrenza è più lungo.

A questo punto che dirvi? … Buon viaggio!  🙂

www.bordeaux-turismo.it

www.opera-bordeaux.com

Jet’Bus