Ideale per Famiglie / Pet Friendly

Nell’immaginario fantastico racchiuso nella mia testolina di bambina, ho sempre pensato che Fabriano fosse un borgo interamente fatto di carta bianca; da ragazzina, invece, me la immaginavo più come una cittadina anonima circondata da fabbriche dedite alla produzione di carta ed elettrodomestici. Ho dovuto ritirare entrambi gli inverosimili pensieri…

Anche se ho fatto un tour giornaliero partendo dalla vicinissima Gubbio, ho scoperto che in realtà Fabriano è un’antica città medioevale con un particolare centro storico dal valore prezioso. La vita si snoda principalmente tra Piazza del Comune e la Piazzetta del Podestà ed ammalia l’omonimo palazzo dall’aria tipicamente medioevale, abbellito da una caratteristica merlatura ghibellina. Sempre nella piazza centrale è possibile ammirare la Fontana Sturinalto e divertisi a fare il gioco delle somiglianze! Occhi più esperti, o semplicemente tutti i turisti provenienti dall’Umbria, potranno notare la forte somiglianza con la Fontana Maggiore di Perugia, a cui si ispira. Per quanto riguarda il luogo spirituale più interessante, suggerisco una visita all’interno della Cattedrale di S. Venanzio che si trova poco distante dal centro, basta fare 100 mt e svoltare in via Balbo.

Ma Fabriano non è solo bella, è anche culturalmente viva! Da pochi anni, infatti, fa parte della lista delle città creative dell’UNESCO grazie alla produzione della carta fatta a mano. A tal proposito merita spendere un’oretta presso il Museo della Carta e della Filigrana (gruppi di almeno 10 persone ), ospitato nell’ex convento di S.Domenico, uno dei più bei monumenti della città. Però, se volete un qualcosa di insolito, dovete assolutamente andare al Museo dei Mestieri in Bicicletta, veramente molto carino! In sostanza, dentro sono esposte le biciclette d’epoca che venivano usate una volta per svolgere i mestieri e le attività commerciali e raccolte da un singolare personaggio. Saranno dei volontari ad accompagnarvi e a darvi ulteriori informazioni sulle bici. Un salto vero salto nel passato. Anzi no, una pedalata!

La mia permanenza giornaliera a Fabriano non mi ha permesso di approfittare di qualche buon ristorante per assaporare i piatti tipici locali. Se qualcuno di voi però ha dei suggerimenti, sono ben lieta di leggerli nei commenti. Visitate le Marche, innamoratevi del borgo della carta e della filigrana e consideratelo un buon punto di partenza per un tour nel centro Italia.