Ecco il primo Amico di Guenda! Kevin ha scritto questo articolo su San Benedetto del Tronto che trovo ricco di consigli soprattutto per gli appassionati di antiquariato o per chi viaggia con i bambini.
Sono felice di pubblicarlo qui, sul mio blog. Grazie mille Kevin, sei il benvenuto.
Volete scrivere anche voi? Ecco come fare.

Ciao Guenda e grazie per l’ospitalità sul tuo blog!
Mi chiamo Kevin, da oggi sono ufficialmente un amico di Guenda e quello che segue è il mio articolo riguardo un breve viaggio fatto a San Benedetto del Tronto, una bellissima cittadina delle Marche.

Il profumo del mare.

Mi sono recato a San Benedetto del Tronto l’ultimo weekend di giugno e la prima cosa che ho sentito appena giunto sul lungomare è stato proprio il profumo del mare, quell’odore di salsedine che fin da bambino mi faceva immaginare le vacanze estive e la fine della scuola.
Dinanzi a me ho trovato un lungomare fantastico, con una pista ciclabile, numerosi spazi naturali dove sostare per ammirare il panorama o per accedere alla spiaggia e ben 10 giardini tematici con piante aromatiche e rose profumatissime: dal giardino delle palme a quello mediterraneo, dal giardino delle rose, al giardino umido con laghetto fino al giardino dei bambini.

Un’oasi di verde con 8.000 palme.

San Benedetto del Tronto fa parte della Riviera delle Palme, un tratto di costa molto suggestivo e lunghissimo, circa 15 km, che parte da Cupra Marittima ed arriva proprio fino a questa cittadina. Un litorale di 5 km di sabbia finissima e dorata, con una spiaggia molto ampia in cui si alternano oltre 100 stabilimenti balneari attrezzatissimi a tratti di spiaggia libera. È l’ideale per rilassarsi, abbronzarsi, camminare, giocare e far divertire soprattutto i bambini, i veri re di questa località. L’acqua è bassa per decine di metri, con scogliere raggiungibili a nuoto dalla costa ed ha una mare premiato con la Bandiera Blu fin dal 1999 in maniera ininterrotta.

Un’accoglienza turistica di primo livello.

Per il mio soggiorno, dopo aver cercato un po’ online, ho scelto una location molto curiosa: 7 Rooms & Bar, un grazioso Bed & Breakfast nel cuore della città composto da coloratissime camere (a me è toccata quella rosa!) disposte su tre piani sopra il bar al piano terra. Pulitissima e in pieno centro, mi ha permesso subito di fare un giro nell’isola pedonale per fare shopping fra negozi, boutique e opere d’arte di artisti contemporanei come Ugo Nespolo, Mark Kostabi e altri.
Se qualcuno preferisce soggiornare in un hotel vicino al mare, non c’è che l’imbarazzo della scelta: nei 5 km di lungomare ne troverete centinaia, dal semplice affittacamere fino al 5 stelle, sia in prima che in seconda fila.

Le tipicità culinarie della cucina marinara sambenedettese.

Siamo al mare e da queste parti esiste una lunga serie di ricette di piatti di pesce: dalla frittura di paranza alle alici marinate, al famoso Brodetto alla Sambenedettese: una gustosissima zuppa di pesce che si differenzia dalle altre ricette per l’aggiunta di peperoni e aceto.
Se amate lo street food, non potete non fare un salto da Nudo e Crudo in zona porto, una vecchia pescheria ristrutturata e trasformata in un localino all’aperto in cui gustare le tipicità marinare d’asporto: fritture fresche, pescato, brodetto alla sanbenedettese, pesce alla griglia e sushi! Ogni tanto poi vengono organizzate serate a tema con musica anni ’60-’70, jazz e bossanova eseguita da artisti di strada.

Per la colazione, o anche per un abbondante aperitivo pomeridiano, vi consiglio il Caffè Soriano, un posto nuovo che è molto più di una pasticceria: cappuccini, caffè, frullati oltre a una gran quantità di lieviti (grandi, mignon, farciti, fritti, al forno). Io sono letteralmente impazzito per la cake di mele e lime!

Qualche consiglio finale.

Per me, amante dell’antiquariato, è stata una vera sorpresa trovare uno splendido mercato all’aperto lungo l’isola pedonale: L’Antico e le Palme in cui ho potuto ammirare un po’ di tutto: mobili, argenti, gioielli, dipinti, disegni, stampe, sculture e oggetti d’arte di epoche comprese fra il ‘600 e il ‘900, oltre a tappeti, tessuti, ceramiche e manufatti d’arte. È stato l’ultimo weekend di giugno ed il prossimo si terrà il mese prossimo, esattamente dal 21 al 24 agosto.

Infine vi consiglio una passeggiata tra gli scogli. Presso il molo sud esiste un vero e proprio museo d’arte proteso verso il mare Adriatico: la passeggiata è intitolata MAM, Museo d’Arte sul Mare ed è uno dei più importanti musei permanenti all’aperto. Si estende per oltre un chilometro con 135 sculture e 10 murales distesi lungo tutto il molo sud. È sempre aperto e l’ingresso è gratuito. Potrete fare una passeggiata in piena contemplazione e ammirazione di quanto operato dal mare, dall’uomo e dall’arte, accarezzati dalla melodie delle onde. Fra tutte le opere primeggia il monumento “Il gabbiano Jonathan Livingstone” di Mario Lupo.

Questo è stato il mio weekend a San Benedetto del Tronto fra mare, spiaggia e buon cibo. Qualcun altro ci è già stato ed ha voglia di condividere la sua esperienza?

INFO
www.comunesbt.it
www.destinazionemarche.it
http://7rooms.it/
www.facebook.com/nudoecrudosbt
www.caffesoriano.it
www.lanticoelepalme.it